domenica 18 agosto 2013

Un mese in Vietnam: da Hanoi a Ho Chi Minh City

Cari amici oggi cercherò di fare un breve riassunto del mio percorso di viaggio.
Nelle mie foto ho cercato di mettere a fuoco tutte le mie emozioni, gli odori, i sapori e tutto ciò che questo paese di bello mi ha regalato. Quello che di più positivo questo paese mi ha trasmesso è stato il non sentirmi mai in situazioni di pericolo, i vietnamiti sono persone assolutamente tranquille sotto quell'aspetto. A differenza di altri paesi non ho visto prostituzione.
In compenso è un paese che vive senza regole, basta trovarsi in mezzo al traffico per capirlo, nessuno rispetta i semafori, le striscie pedonali, le precedenze e attraversare la strada è una vera impresa.


Mio marito ed io amiamo viaggiare liberamente, senza tour operator, guide ecc...
Abbiamo prenotato dall'Italia soltanto il volo con arrivo ad Hanoi e partenza da Ho Chi Minh City e l'albergo per tre notti ad Hanoi.


Arrivati ad Hanoi c'è stata un po' di delusione, infatti, essendo la capitale, mi aspettavo una città un po' più moderna, con qualche grattacielo e centro commerciale.
Ho pensato che sinceramente un mese in Vietnam sarebbe stato davvero troppo lungo e non ce l'avrei mai fatta.


Ad Hanoi il caldo, ma sopratutto l'umidità erano insopprtabili e noi non eravamo abituati.
Abbiamo organizzato una mini crociera di due giorni nella baia di Halong tramite un'agenzia viaggi locale.


In barca sono stata davvero bene, il posto era magnifico e finalmente ho mangiato qualcosa di commestibile.


Siamo ritornati ad Hanoi e ho cominciato a guardare la città con altri occhi, 
alla fine mi è dispiaciuto andarmene.
Ci siamo spostati a Huè utilizzando un autobus turistico con tanto di lettini, abbiamo viaggiato di notte, siamo partiti alle sette di sera circa e siamo arrivati più o meno alle nove del mattino.
E' stato il tragitto più lungo in assoluto e soprattutto è stata un'esperienza davvero insolita 
che ancora non avevamo mai fatto.


A Huè abbiamo capito quali ristoranti dovevamo scegliere se volevamo mangiare bene e così è stato.
In questa città mi sono inoltrata nel primo mercato ed è stato subito amore.


A Huè siamo rimasti due notti per poi ripartire sempre con l'autobus turistico,
le ore che ci dividevano da Hoi An erano poche e abbiamo viaggiato tranquillamente di giorno.


Hoi An è stato il paesino che più mi è piaciuto, è stato come fare un tuffo nel passato,
veramente deliziosa.
Siamo rimasti quattro notti.


A Hoi An eravamo a metà strada.
Il viaggio notturno sull'autobus fino a Na Thrang è stato il peggiore.
L'autobus era veramente sporco e puzzolente e io mi domandavo che cosa ci facessi lì.


Na Thrang è considerata la Rimini del Vietnam,
rendo l'idea???
Siamo rimasti tre notti.


Da Na Thrang ci siamo spostati a Mui Ne.


Mui Ne è una località di mare più tranquilla rispetto a Na Thrang.
Qui ci siamo riposati in un magnifico resort per sette notti.





Da Mui Ne non volevamo più andarcene, ma eravamo troppo curiosi di scoprire la tanto sospirata Saigon.
Il tragitto è durato circa mezza giornata.


Abbiamo viaggiato sempre con questi autobus "turistici" che venivano utilizzati anche dai vietnamiti.
Non abbiamo mai preso il treno perchè l'autobus  veniva a prenderci davanti all'albergo.
L'organizzazione di ogni spostamento, che spesso ci lasciava perplessi, non ci ha mai lasciati a piedi,  tutto filava liscio come l'olio, bastava soltanto fidarsi.


Arrivati a Saigon siamo rimasti due notti,
soltanto il tempo per organizzare un tour sul delta del Mekong e ripartire.


Eravamo davvero stanchi, ma sarebbe stato un vero peccato perderci il delta del Mekong.


Dopo il Mekong siamo ritornati a Saigon per quattro notti, 
l'abbiamo visitata in ogni angolo più nascosto con la paura di dimenticare 
qualcosa prima del nostro rientro a casa.




Non è stato sicuramente rilassante spostarsi di continuo, cercare albergo e adattarsi ogni volta al posto, ma vi assicuro che ne è valsa davvero la pena.
Ora mi sento un po' più ricca rispetto a prima, è l'effetto che mi fa ogni viaggio di questo tipo.
Sono stanca fisicamente, ma la mia testa si è completamente svuotata dai pensieri che ci accompagnano nella vita quotidiana.
Forse questo è stato il mio ultimo viaggio con lo zaino in spalla, non sono più una ragazzina
e faccio più fatica ad adattarmi,
ma la mia curiosità verso altri paesi mi porterà sicuramente altrove.
Speravo di perdere almeno un paio di chiletti, invece anche la mia voglia di conoscenza
riguardo il cibo mi ha portato ad assaggiare e gustare sapori per me sconosciuti.
Ho imparato a mangiare con le bacchette finalmente, in pochi ristoranti si trovano le posate.
Sono ritornata con la consapevolezza di essere una persona fortunata,
a volte serve viaggiare anche per rendersene conto.

A domani,
buona giornata a tutti!
Sabina

20 commenti:

  1. bellissimo Sabina, sono senza parole!!

    RispondiElimina
  2. Mi ritrovo in questo stile di viaggio che è anche assolutamente il mio... Fissati partenza e ritorno, il resto è libero per assaporare tutto quello che un nuovo paese ci può dare. E, come te, ho sempre pensato, al ritorno, di essere più ricca...
    Veronica

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Sabina! :) Sicuramente è stato un viaggio impegnativo da tutti i punti di vista... ma è vero quello che dici: viaggiare è conoscenza.
    Ho guardato attentamente le tue foto e mi ha stupito la ragnatela di cavi nel cielo delle strade di Saigon. Sono proprio tanti fili! Incredibile!

    Non credo che sarei stata capace di adattarmi come hai fatto tu in questo viaggio.

    Baci,Ada. :)

    RispondiElimina
  4. ...non so perché, ma mi sono commossa..forse perché le conclusioni alle quali sei arrivata tu, sono le stesse a cui sono arrivata io alla fine di questa vacanza..che più che altro, è stata la fine di un lungo percorso di vita..e ora si riparte !
    Le immagini sono meravigliose..volti intensi, luoghi così diversi dai nostri..
    Ti abbraccio bionda ! Ti voglio bene :)

    RispondiElimina
  5. Sei stupenda. E tu hai un vero dono nel 'catturare' e 'rapire' le emozioni, i colori, i sapori con le tue fotografie. Sono così intense, così cariche di vissuto. Mi pare di viverle, mentre ti leggo.. deve essere stato davvero particolare dover cambiare così tante volte albergo e spostarsi in modo così frequente, ma credo che certi luoghi si possano 'vivere' solo se lo si fa in questa maniera. Non solo sei più 'ricca' dentro, ma la stessa ricchezza la passi a coloro che ti leggono e sognano con te.. ti voglio bene, amica mia. Tanto bene. In quella navetta sei bellissima, il tuo viso come sempre è sole. Grazie, per questi racconti preziosi! TVTB

    RispondiElimina
  6. Ben tornata!!!
    Complimenti per le foto e per la descrizione del tuo viaggio (come sempre)!!
    Sembra di rivivere il tuo viaggio!
    Mi fai venire voglia di andare a visitarlo!!!!
    GRAZIE!!!!
    Un forte abbraccio,
    Francesca

    RispondiElimina
  7. Nuovamente immagini meravigliose..sono incantata dai tuoi ritratti...
    I viaggi sono anche per me un'occasione di scoperta che fa sempre riaprire gli occhi su cose che nella vita quotidiana diamo troppo spesso per scontate..

    RispondiElimina
  8. Bentornata Sabi :) Mi mancava leggerti <3

    RispondiElimina
  9. Ciao Sabina non mi stanchero' mai,e dico mai di guardare le tue foto...che siano viaggi o arredamento di casa tua,o un piatto sulla tavola piuttosto che una camminata tra i monti...sai tenere chi ti legge con le parole e con le fotografie attaccato alla tua pagina...che bello rileggerti

    RispondiElimina
  10. Le tue foto parlano sei un artista nel saper catturare il bello e il pittoresco e saper con questo coinvolgere gli altri,aprire il tuo cuore svelarci le tue sensazioni....è' proprio così' ogni viaggio rimane nel nostro cuore costruiamo ricordi indelebili che nessuno potrà' portarci
    via!

    Grazie Sabina
    Grazie di tutto questo Beatrice

    RispondiElimina
  11. splendide foto! viagiare è davvero bello e le emozioni rimangono con te :-)

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia Sabina, sei riuscita con le foto e il tuo racconto a trasmettere tutte le emozioni che hai vissuto in questo viaggio che è stato sicuramente stancante ma anche molto appagante!!! Grazie per tutto!!!
    Bacioni, a presto...

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Aspettavo il tuo ritorno per poter anch'io viaggiare alla volta del Vietnam attraverso le tue splendide foto e i tuoi racconti carichi di emozione.
    Grazie per aver condiviso il tuo viaggio.
    Baci
    Simo

    RispondiElimina
  18. Ciao Sabina, bentornata...che viaggio bellissimo hai fatto! ti ho pensata spesso e sono contenta che tu ti sia divertita...mi piacerebbe tanto fare un viaggio così ricco e lungo, peccato non averne la possibilità economica/logistica. Il fatto che non potrei mai mancare un mese dal lavoro un po' mi rattrista ma per mantenere la mia famiglia e mia figlia, devo adattarmi! un bacione e a presto! Ale

    RispondiElimina